Superbonus 110%

Un’agevolazione per svolgere lavori di ristrutturazione degli edifici a costo zero

Il Superbonus 110% per lavori di ristrutturazione delle abitazioni introdotto con il Decreto Rilancio rappresenta un’importante novità per il settore dell’edilizia.

È un’occasione concreta, un valido aiuto che sta offrendo a molti cittadini l’opportunità di svolgere lavori di miglioramento delle proprie abitazioni praticamente gratis, a patto che vengano rispettate specifiche condizioni.

Il percorso che ha portato all’attuazione del bonus e alla formalizzazione delle norme è stato abbastanza tormentato, ma ad oggi è certo che l’agevolazione garantirà una detrazione fino al 110% sulle spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021 per lavori edilizi atti a migliorare l’efficienza energetica (compresa l’installazione di impianti fotovoltaici) e la sicurezza in termini antisismici degli edifici.

Il bonus si aggiunge, senza sostituirle, alle agevolazioni già esistenti per le opere di recupero del patrimonio edilizio, compresi il sismabonus e l’ecobonus.

In cosa consiste il Superbonus 110 percento

Il Superbonus 110% è un’agevolazione che eleva al 110% l’aliquota di detrazione delle spese sostenute a partire dal primo luglio 2020 per alcuni specifici interventi edilizi riguardanti l’efficienza energetica (cappotto termico, sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale), la riduzione del rischio sismico e l’installazione di impianti fotovoltaici o di infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici negli edifici.

A chi spetta la detrazione

Il Superbonus è rivolto a interventi sostenuti da

  • persone fisiche che possiedono o detengono l’immobile oggetto dell’intervento, al di fuori dell’esercizio di attività di impresa, arti e professioni
  • Istituti autonomi case popolari
  • condomìni
  • cooperative di abitazione a proprietà indivisa
  • organizzazioni di utilità sociale non a scopo di lucro e associazioni di volontariato
  • associazioni e società sportive dilettantistiche

Vantaggi e cessione del credito

La detrazione è riconosciuta nella misura del 110%, da ripartire tra gli aventi diritto in 5 quote annuali.

Un elemento di sicuro interesse per molti è che, in alternativa alla fruizione diretta della detrazione, il beneficiario può scegliere di cedere il credito d’imposta alle imprese che svolgono i lavori edilizi, oppure a banche e assicurazioni.

Chi accede al Superbonus potrà richiedere uno sconto in fattura ai fornitori o cedere il credito d’imposta a soggetti terzi.

Cosa fare? Il nostro consiglio.

Se volete usufruire del bonus per riqualificare il vostro immobile vi consigliamo di contattare un’impresa di fiducia che vi guidi nella pianificazione del progetto, dallo studio di fattibilità alla certificazione energetica.

Gli esperti della Caterino Costruzioni sono a vostra disposizione per valutare possibilità, soluzioni e corretti procedimenti da seguire per realizzare un progetto di ristrutturazione edilizia conforme alle condizioni previste dalla norma.

Caterino Costruzioni sta affrontando i cantieri del Superbonus 110% in collaborazione con ANCE e Nomisma Opera.


Contattaci per una consulenza.

Ti potrebbe interessare anche...

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Clicca ok per proseguire la navigazione e acconsentire all’uso dei cookie.